Oggetto: Disposizioni relative ad assenze e permessi personale DOCENTE e ATA

Circolare N. 422 del 2-ott-2018
A.S. 2018/2019

Con la presente si ribadiscono alle SS.LL. le principali norme ed i comportamenti da tenere per il buon funzionamento dell’Istituto.

Si ricorda che ogni dipendente della P.A. è pubblico ufficiale nell’adempimento delle proprie mansioni: ciò implica l’obbligo della correttezza interpersonale, rispetto dei colleghi, delle famiglie e degli studenti, nonché dell’amministrazione da cui dipende.

Si precisa che le indicazioni, per la tutela degli alunni e di tutto il personale e in relazione alle responsabilità richiamate, costituiscono ordine di servizio.

 

DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE

 

ASSENZE PER MALATTIA

La comunicazione telefonica di assenza per malattia deve pervenire in Segreteria (oppure al centralino della propria sede di servizio)  fra le ore 7.30 e le ore  8.00 del primo giorno richiesto, a prescindere dall’orario di inizio del proprio servizio, comunicando il proprio recapito e l’orario di servizio previsto nella giornata di assenza.

Qualora il dipendente, al momento della comunicazione telefonica, non sia ancora in possesso del certificato medico, è tenuto a comunicare il numero presumibile dei giorni di assenza.

Non appena il medico avrà effettuato la prognosi e rilasciato il certificato, il dipendente comunicherà il periodo definitivo di assenza non oltre le ore 8 del giorno successivo. 

L’allontanamento dal proprio domicilio durante le fasce di reperibilità  (9-13/ 15-18) è consentito esclusivamente per visite mediche, prestazioni o accertamenti specialistici o per altri giustificati motivi da comunicare PREVENTIVAMENTE alla segreteria.

PERMESSI BREVI

Le richieste di permessi orari vanno consegnate con congruo anticipo e devono essere preventivamente autorizzate dalla Presidenza con la quale si concorderà la modalità e il periodo di recupero dei suddetti permessi entro i successivi 2 mesi di servizio. 

I ritardi della prima ora, anche se provocati da  cause di forza maggiore, devono essere recuperati.

In caso di impossibilità di recupero per motivi imputabili al dipendente, le ore dei permessi verranno detratte contabilmente dallo stipendio.

I permessi non possono avere durata superiore alla metà dell’orario giornaliero di servizio:

-per il personale docente fino a un massimo di 2 ore, senza eccedere 18 ore annuali

-per il personale A.T.A fino a un massimo di 3 ore, senza eccedere 36 ore annuali

Il recupero potrà avvenire anche con l’utilizzo per supplenze orarie. Le assenze dagli organi collegiali rientrano nelle richieste dei permessi brevi.

Ferie e Permessi Retribuiti per motivi personali e famigliari

I docenti a tempo indeterminato  hanno diritto a 3 giorni di permesso retribuito per motivi personali o famigliari documentati, anche a mezzo autocertificazione,  utilizzati i quali,  il docente può richiedere ulteriori  6 giorni di ferie alle stesse condizioni dei 3 giorni ovvero per gli stessi motivi e stesse modalità e senza bisogno di trovarsi un sostituto.

 

Si ricorda che la puntualitàrappresenta un elemento di qualità del servizio scolastico e un modello positivo per gli alunni.

Lo scrivente interverrà ove necessario con i dovuti provvedimenti disciplinari a sanzionare i ritardi, soprattutto se ripetuti e ingiustificati.

Il Dirigente Scolastico si atterrà  al  nuovo Codice  disciplinare ai sensi dell' art. 13 del CCNL COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA PERIODO 2016/2018, sottoscritto in via definitiva il 19.04.2018.

Si precisa che la pubblicazione del presente provvedimento sul sito istituzionale dell' Istituto equivale,a tutti gli effetti, alla sua affissione all' ingresso delle sedi dell' Istituto.

                                                                                                                                                                                                              

Scarica circolare in formato pdf